Tre cose da sapere sull’interpretazione in Europa

 | Il punto di vista dell’interprete 

L’Europa è la regione con il maggior numero di interpreti di conferenza, in buona parte grazie alla presenza di organizzazioni internazionali che promuovono il plurilinguismo e che aiutano a formare interpreti professionisti. Inoltre, poiché molti paesi europei accolgono anche un fiorente mercato privato, gli interpreti qui presenti sono estremamente versatili. Se stai valutando di organizzare in Europa il tuo prossimo evento, evita gli errori principali grazie ai consigli di Danielle Grée.

Centro congressi di Dublino - una destinazione ideale per conferenze e interpreti di conferenza

 

Grazie alle centinaia di organizzazioni internazionali che hanno la propria sede in Europa, nel vecchio continente non mancano certo interpreti di alto livello. Molti freelance lavorano anche sul mercato privato, dove sono particolarmente richiesti dagli istituti bancari, dalle case farmaceutiche e dalle grandi industrie. Ciò nonostante, un grande evento internazionale o un campionato sportivo mondiale possono esaurire in breve tempo il bacino di interpreti a cui attingere per alcune combinazioni linguistiche. Per evitare di trovarti in difficoltà, ecco alcune cose da sapere:

Quali sono le principali destinazioni congressuali

Le tre città con il maggior numero di interpreti professionisti sono Bruxelles (con i molti freelance che lavorano principalmente per le istituzioni dell’Unione Europea), Parigi (sede dell’UNESCO, dell’OCSE e della Banca Mondiale) e Ginevra (quartier generale di varie organizzazioni della famiglia delle Nazioni Unite). Le tre capitali sono infatti importanti poli congressuali, offrono corsi universitari di alto livello per la formazione di interpreti di conferenza professionisti e accolgono numerose istituzioni internazionali che reclutano decine di interpreti freelance tutti i giorni, fattori che contribuiscono a rendere quei mercati particolarmente dinamici. Parigi, Bruxelles e Ginevra annoverano ciascuna circa 300 interpreti affiliati all’Associazione Internazionale Interpreti di Conferenza, che ha accordi con la maggior parte di tali istituzioni, e sono quindi le città in cui sarà più probabile trovare interpreti locali.

Seguono Roma, Vienna, Berlino e Londra, con circa cento interpreti ciascuna a coprire le richieste dei ministeri e di altri enti pubblici, nonché –sebbene in numero inferiore rispetto alle altre capitali citate in precedenza– di organizzazioni internazionali come la FAO, l’OSCE e l’IMO.

Non vanno dimenticate le capitali economiche, con un settore privato particolarmente fiorente. Monaco, Zurigo, Milano, Firenze, Barcellona, Madrid, Amsterdam, L’Aia, Lisbona e Istanbul offrono ciascuna circa trenta interpreti estremamente versatili, che ogni giorno assicurano l’interpretazione simultanea presso incontri il cui argomento spazia dalla finanza al calcio e dalla medicina alle riassicurazioni.

Quali date evitare

Nonostante la ricca offerta di interpreti, è importante conoscere le date dei principali eventi nazionali e internazionali, per poter trovare freelance locali senza dover far arrivare gli interpreti da altrove.

Se stai programmando un convegno plurilingue durante la seduta plenaria del Parlamento Europeo, ricorda che le istituzioni europee reclutano centinaia di interpreti per le lingue comunitarie con un anticipo di oltre sei mesi. Potrai ancora trovare senza eccessive difficoltà interpreti bilingui a Bruxelles e a Strasburgo, ma sarà praticamente impossibile reperire interpreti per alcune lingue “minoritarie” come il maltese o lo sloveno, per quanto lontano tu possa cercare.

Lo stesso dicasi qualora l’evento coincida con la Conferenza Internazionale del Lavoro, organizzata a Ginevra a giugno di ogni anno dall’ILO. Vi lavorano trecento interpreti, e questo rende particolarmente complicato reperire interpreti di cinese, arabo o russo per le stesse date. Analogamente, a Parigi l’Assemblea Generale dell’UNESCO assorbe un elevato numero di interpreti nel corso del mese di novembre degli anni dispari, così come la Conferenza e il Consiglio della FAO a Roma drenano buona parte delle risorse disponibili con i loro numerosi eventi collaterali. In concomitanza con questi eventi, risulta estremamente difficile trovare persino interpreti simultanei di spagnolo.

Un altro fattore importante di cui tener conto sono i grandi eventi sportivi: le Olimpiadi, i Campionati Europei e i Mondiali di calcio, che assorbono buona parte degli interpreti locali e praticamente esauriscono il pool di interpreti specializzati in quegli argomenti. Se devi organizzare un evento, ti consigliamo di prenotare gli interpreti con ampio anticipo per evitare di doverli far arrivare da fuori, con l’aggravio di spese che ciò comporta.

Come orientarsi

Avrai capito che orientarsi in questo labirinto non è affatto semplice, ma non temere: puoi contare sul tuo interprete consulente.

Come già indicato, i grandi eventi richiedono principalmente interpreti plurilingui, il che significa che restano per lo più disponibili gli interpreti bilingui, come per esempio quelli che lavorano tra la lingua locale e l’inglese. Va tuttavia ricordato che esistono pochi interpreti per alcune lingue rare, quali il coreano e –in misura minore–  il giapponese, l’arabo, il cinese e il russo.

Inoltre, varie città hanno una loro specializzazione settoriale: a Monaco di Baviera i brevetti industriali, a Losanna lo sport, a Zurigo i servizi bancari e assicurativi, mentre Berna e Bruxelles –essendo capitali– accolgono numerosi incontri di partiti politici, gruppi di interesse e sindacati.

Se invece per il tuo evento hai bisogno di interpreti delle lingue dei segni, assicurati di far partire la tua richiesta almeno tre mesi prima, e ricorda: non esiste un’unica lingua dei segni “inglese”. Maya de Wit ti potrà aiutare a trovare interpreti nella lingua dei segni britannica, in quella americana e in numerose altre. Allo stesso modo, ricorda che ci sono notevoli differenze tra la lingua dei segni tedesca e quella svizzero-tedesca.

E poi… perché non unire l’utile al dilettevole e organizzare il tuo incontro in un paese con centri congressuali particolarmente accattivanti come il Portogallo (sia continentale che l’isola di Madera e l’arcipelago delle Azzorre), oppure Dublino, pronta ad accogliere ben 2000 partecipanti nel suo modernissimo Palazzo dei Congressi? Senza dimenticare ovviamente l’Italia, che può sfoderare l’arma della sua arte e gastronomia, e della sua grande diversità, dalla Val d’Aosta alla Sicilia, dall’Alto Adige alla Puglia.

Calliope-Interpreters, l’unica rete mondiale di interpreti consulenti, sarà lieta di guidarti in questo labirinto, segnalandoti le date da evitare, le lingue più difficili da reperire, il giusto anticipo con cui partire e gli ostacoli da aggirare. Contattaci prima possibile per discutere delle tue esigenze in materia di interpretazione.

Condividi questo articolo: